• 1 Dicembre 2020 1:34

La parte buona

UN HUB PER CONOSCERE E DIFFONDERE LA BIBBIA

Stabat Mater. Una meditazione sulla maternità di Maria sotto la croce, di Mariateresa Zattoni

Riceviamo e volentieri pubblichiamo un inedito della nota psicopedagogista Mariateresa Zattoni, a commento dello “Stabat Mater”, il versetto della passione secondo Giovanni, “Stavano presso la croce di Gesù sua madre, la sorella di sua madre, Maria di Cleopa e Maria di Magdala” (Gv 19,25).

 

STABAT MATER, di Mariateresa Zattoni

Due prospettive che si intrecciano: lo stare e l’essere Madre.

Maria stava; è la cosa più difficile per una madre. Stare è il contrario di fuggire, di sottrarsi, di far finta di capire; ma è anche il contrario di esagitarsi, voler aiutare, voler intromettersi, soprattutto quando il figlio appare bisognoso di aiuto, in situazione di pericolo.

Maria stava. Alcune tappe:

  • Era stata una nascita straordinaria, incomprensibile, inaspettata: lei Vergine con un bambino in grembo. E un marito che diventa custode del Bambino e gli dà il Nome;
  • Forse si aspettava qualcosa di speciale da questo bambino, e invece lui impara a camminare e a parlare come tutti i bambini. Eppure lei stava ferma sull’annuncio, non se lo era inventato lei. Quando qualcosa di straordinario accade nella nostra vita e poi tutto continua come prima, ci lasciamo seppellire nella quotidianità, nel grigiore; e dimentichiamo la Luce che pur avevamo visto. Lei, no. Lei tiene fermo l’evento, non lo nasconde, non lo seppellisce. Stava.
  • Il bambino cresce, si fa adolescente, giovane adulto, come tutti. Impara il mestiere di suo padre. Come tutti. Forse lei si era abituata ad avere questo figlio “bello” in casa, così mite e tranquillo. Forse diceva: ”Non me lo ruba nessuno”. Eppure teneva nel suo cuore l’evento. Stava.
  • Ormai è un adulto in piena maturità: intorno ai trentacinque anni esce di casa, si mette a predicare “Il regno è qui”, fa miracoli, la gente lo segue. Forse per un attimo è stata trascinata dai parenti a cercarlo: riportiamolo a casa, forse è impazzito, in che guai si mette, salviamolo. Ma Lui dice: “Chi è mia madre, chi sono i miei fratelli? Quelli che fanno la volontà di Dio”. E lei non lo cerca più. Stare è fare la volontà di Dio.
  • Ma questo figlio è solo per le strade della sua terra. E lo accusano di essere dalla parte del demonio; hanno le pietre in mano. E lui è solo, sempre più solo: proclama che Lui discende dal cielo, che è figlio di Dio. Le autorità religiose non gli credono, vogliono farlo fuori: è pericoloso. E lei, la madre, non si alza a difenderlo, non dice: Lui ha ragione, Lui è il figlio dell’Altissimo, vi dico io come sono andate le cose! Non testimonia per Lui, non lo “salva”, non corre in suo soccorso, non si butta a difenderlo. Forse è il suo momento più difficile, più tremendo: lasciare che il figlio faccia la sua strada, anche se non lo capisce. Ma perché questo figlio non usa il suo potere per far fuori quelli che lo accusano, lo disprezzano, tramano contro di lui?. Eppure lei sapeva come “stavano le cose”. Ma non si intromette. Ha fiducia in Lui anche quando lo vede fallire. E lo vede sempre più solo. Stava.
  • E il fallimento si delinea sempre di più come via della croce. Forse lei sperava in quelli che lui aveva beneficato, sperava nei suoi amici: prenderanno le sue parti, lo difenderanno. E invece scappano, lo abbandonano. Sono più interessati a salvarsi la pelle.
  • E lei sta sotto la Croce. E’ il momento in cui non può più fare niente per Lui, il Figlio. E’ assolutamente impotente, inutile. Per una madre essere inutile mentre il figlio soffre è la più grande delle prove. La madre sa che darebbe per lui il suo sangue, la sua vita. Pur di salvarlo. Pur di sottrarlo alla sofferenza atroce che sta subendo. Eppure non dice: ”Non c’è niente da fare”. Non se ne va. Sta.

E non le importa più di chi ha torto o ha ragione, non importa più se lei “capisce” o no; lei sa soltanto che il figlio soffre. E lei non può fare niente: è la prova più grande, per una madre. Non può nemmeno pensare che il suo stare lì sia in qualche modo di aiuto: lei sa soltanto che sta, impotente.

  • E si sente regalare un figlio, secondo il Vangelo di Giovanni: “Donna, ecco tuo figlio!”. Questo Figlio è così “spogliato” di tutto che regala persino sua Madre.
  • E lei sta con questo figlio. Di nuovo, non fugge, non si rinchiude nel suo innominabile dolore, nel fatto che ha diritto di piangere perché le è stato rubato il Figlio Annunciato.
  • Nessuno dei quattro Vangeli dice che il Risorto per primo si è mostrato a Sua madre. Lei, nel suo stare, ha deposto tutti i suoi diritti. Ci sono altre donne in prima linea, quelle che hanno trovato la tomba vuota. Forse lei ha sorriso a queste donne, che annunciano l’incredibile: Lo hanno visto! La Madre ha deposto il suo primato: non reclama diritti, non si mette in prima fila, è felice dell’amore di cui gode il Figlio: stabat mater.
  • E infine sta con i nuovi figli, nella Pentecoste. Non rinfaccia nulla, non li rimprovera perché sono fuggiti, non l’hanno difeso, non l’hanno capito. C’è posto anche per loro nella sua maternità. Anzi, è a questa chiesa nascente che lei regala il mistero dell’Annunciazione. E Luca ce lo racconta.

…e così Maria ci insegna che il compito primario della maternità è lo stare. Non: esagitarsi, intromettersi, proclamare le proprie priorità, i propri crediti; e neppure sottrarsi, allontanarsi, prendere come scusa la propria impotenza e inutilità. Ogni figlio ha bisogno di una madre che sta (non fugge, non critica, non lo difende a modo suo e -soprattutto- crede di capirlo più degli altri). Una madre che sta è un capolavoro. Come Maria.