IL PARADOSSO DELLA RISURREZIONE. Un LIBRO (a cura di Antonio Landi), e i VIDEO sul tema centrale della fede cristiana

La risurrezione di Gesù Cristo è il centro della fede cristiana. Riceviamo e volentieri segnaliamo un titolo appena uscito su questo tema, a cura di Antonio Landi, Il paradosso della risurrezione. Pubblicato nell’ottobre 2019, contiene gli articoli delle conferenze organizzate dall’Arcidiocesi di Amalfi-Cava de’ Tirreni, nel febbraio-marzo 2018. Sotto, l’indice del volume, e più sotto, i video da cui il volume è stato tratto.

  • Introduzione (A. Landi).
  • La vita eterna nell’Antico Testamento e nella letteratura medio giudaica (E. Noffke).
  • Sulle orme del Risorto. Un percorso continuo dal pre- al post- Pasqua e viceversa (Mt 28,1-20) (C. Marcheselli-Casale).
  • Dal riconoscimento alla testimonianza. Il racconto della risurrezione di Gesù in Lc-At (A. Landi).
  • «Ho visto il Signore» (Gv 20,18). Lectio cursiva di Gv 20–21 (M. Marcheselli).
  • «Ultimo fra tutti apparve anche a me» (1Cor 15,8). Paolo e le apparizioni del Risorto, fondamento della fede pasquale (R. Penna).  Bibliografia degli autori moderni.

Le donne, che all’alba del primo giorno dopo il sabato si recano al sepolcro di Gesù, sono testimoni di un fatto straordinario: la tomba è vuota. Il sepolcro vuoto è solo il primo indizio: difficilmente i discepoli avrebbero potuto credere nella risurrezione del Cristo se egli non si fosse manifestato in loro presenza. È la sua carne, che reca ancora impressi i segni dei chiodi e della lancia, a palesare la dimensione corporea della risurrezione: egli non si è «reincarnato» in un corpo glorioso, ma è apparso ai suoi nella sua vera carne. Assumendo cibo davanti a loro, egli fuga ogni dubbio sulla sua corporeità. Le Scritture sono invocate dal Risorto a garanzia di ciò che è accaduto: l’evento della sua passione, morte e risurrezione porta a compimento le promesse pattuite da Dio con gli antichi padri d’Israele. I contributi raccolti in questo volume, frutto di un ciclo di conferenze rammentano il senso paradossale della risurrezione di Cristo, riproponendolo, attraverso la testimonianza delle Scritture, all’attenzione dei credenti dei giorni nostri, per i quali la croce, come simbolo della passione, sembra essere più eloquente della risurrezione.

Il Paradosso della risurrezione

I video delle conferenze della diocesi di Amalfi-Cava de’ Tirreni

  1. Erik Noffke

2. Cesare Marcheselli Casale

 

3. Antonio Landi

 

4. Maurizio Marcheselli

 

5. Romano Penna