BIBBIA E CATECHESI. Un articolo di p. Gianni Cappelletto

Il rapporto Bibbia-catechesi è, prima di tutto un “atto ecclesiale” da comprendersi e viversi nella dinamica del dono: Dio ha fatto codificare in un testo scritto il suo desiderio di relazionarsi agli uomini come «ad amici» (DV 2) – e questo è il dono che la Chiesa accoglie gratuitamente e con gratitudine; la Comunità cristiana, a sua volta, espressione storica sacramentale del desiderio di Dio, rimette in circolazione quanto ricevuto mediante una proclamazione in “parole ed opere” intimamente connesse (sempre DV 2) – e questo è il modo di “gratuitamente” ridonare, sempre con una memoria grata e con il senso del ringraziamento. Tale circolarità tra dono ricevuto e accolto e dono ridonato pone almeno due domande: all’interno di quale “chiesa” avviene questo scambio? Detto in altri termini: quale volto di Chiesa è presupposta dalla dinamica richiamata e quale effettivamente si sta testimoniando “in parole ed opere” nella pastorale?; quale volto di “catechista” è adeguato a “quel” modello di Chiesa e quale in pratica è quello di chi sta svolgendo questa missione nelle nostre comunità ecclesiali?
La risposta alla prima domanda oggi potrebbe trovare la seguente risposta: Papa Francesco sta orientando la Chiesa verso una “Comunità sinodale – in uscita”. Non mi soffermo su tale proposta e sul come è stata o viene effettivamente accolta. Rimando a interventi qualificati in proposito. Mi interessa trovare una risposta alla seconda domanda: quale catechista e per quale Chiesa?

Per continuare a leggere l’articolo in formato pdf: Gianni Cappelletto, Bibbia e catechesi

Be the first to comment on "BIBBIA E CATECHESI. Un articolo di p. Gianni Cappelletto"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*